Ultime News

Definizione delle liti pendenti: imposta al 90% per le sentenze non depositate entro il termine

Se l’Agenzia delle entrate è risultata soccombente nell’ultima o unica pronuncia giurisdizionale non cautelare depositata alla data del 24 ottobre 2018, le controversie possono essere definite con il pagamento: del 40% del valore della controversia in caso di soccombenza nella pronuncia di primo grado e del 15″ del valore della controversia in caso di soccombenza nella pronuncia di secondo grado”. Se però alla data del 24 ottobre 2018, la sentenza di primo grado che accoglieva il ricorso, non era stata ancora depositata, la contribuente non può in alcun modo beneficiare della riduzione dell’imposta per effetto della pronuncia di primo grado intervenuta successivamente alla predetta data. In tal caso è corretto definire la controversia con il pagamento dell’imposta nella misura del 90% (Agenzia Entrate – risposta 23 settembre 2020, n. 391).

Le controversie attribuite alla giurisdizione tributaria in cui è parte l’Agenzia delle entrate, aventi ad oggetto atti impositivi, pendenti in ogni stato e grado del giudizio, compreso quello in Cassazione e anche a seguito di rinvio, possono essere definite, a domanda del soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio o di chi vi è subentrato o ne ha la legittimazione, con il pagamento di un importo pari al valore della controversia.

Per l’applicazione della definizione agevolata, è necessario che la lite fiscale sia pendente, e che al 24 ottobre 2018, il ricorso introduttivo del giudizio di primo grado sia “stato notificato alla controparte”. E’ inoltre necessario che, “alla data della presentazione della domanda il processo non si sia concluso con pronuncia definitiva.

In sostanza, la definizione delle liti può riguardare soltanto i rapporti pendenti alla data del 24 ottobre 2018 e, comunque, non esauriti alla data di presentazione della domanda.

In caso di ricorso pendente iscritto nel primo grado, la controversia può essere definita con il pagamento del 90% del valore della controversia.

In caso di soccombenza dell’Agenzia delle entrate nell’ultima o unica pronuncia giurisdizionale non cautelare depositata al 24 ottobre 2018, le controversie possono essere definite con il pagamento:

– del 40% del valore della controversia in caso di soccombenza della pronuncia di primo grado;

– del 15% del valore della controversia in caso di soccombenza nella pronuncia di secondo grado.

Se alla data del 24 ottobre 2018, la sentenza di primo grado che accoglieva il ricorso, non era stata ancora depositata, la contribuente non può in alcun modo beneficiare della riduzione dell’imposta per effetto della pronuncia di primo grado intervenuta successivamente alla predetta data. In tal caso è corretto definire la controversia con il pagamento dell’imposta nella misura del 90%.

MISE: chiarimenti sulle semplificazioni della misura Nuova Sabatini

Forniti indicazioni e chiarimenti in merito alle modalità di applicazione delle disposizioni relative alle semplificazioni della misura Nuova Sabatini, di cui all’articolo 39, comma 1, del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76 (Ministero dello sviluppo economico – Circolare 22 settembre 2020, n. 239062).

In relazione alle domande di agevolazione presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari a decorrere dalla data del 1° maggio 2019, nel caso in cui l’importo del finanziamento deliberato in favore della PMI non è superiore a 100.000,00 euro, nonché in relazione alle domande presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari a decorrere dalla data del 17 luglio 2020, nel caso in cui l’importo del finanziamento deliberato in favore della PMI non è superiore a 200.000,00 euro, il Ministero, ricevuto il modulo RU, procede, entro sessanta giorni, ad erogare il contributo in conto impianti di cui al punto 8.1 in un’unica soluzione, adottando le medesime modalità di verifica già previste per l’erogazione della prima quota di contributo, fermo restando il rispetto dei limiti dell’effettiva disponibilità di cassa. Ai fini della predetta modalità di erogazione del contributo in un’unica soluzione, non rilevano eventuali variazioni in diminuzione dell’ammontare del finanziamento oggetto di delibera conseguenti alla stipula del contratto con la banca o intermediario finanziario, ovvero alla realizzazione di un investimento di importo inferiore rispetto a quello preventivato dalla PMI in sede di domanda.

Sciolta la riserva sul CCNL Servizi Postali in Appalto

Sciolta la riserva sul CCNL Servizi Postali in Appalto

Sciolta la riserva sull’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL per il personale dipendente da imprese esercenti servizi postali in appalto

 

L’accordo decorre dall’1/7/2020 al 31/12/2021 ed è stato approvato dalle assemblee dei lavoratori per cui è pienamente applicabile

Aumenti retributivi
Con decorrenza dalla data di sottoscrizione del presente accordo, è istituito il nuovo livello 3° Super, con parametro 127 (retribuzione tabellare € 885,49 – indennità di contingenza € 517,46), nel quale confluiscono gli operai altamente specializzati e gli autisti con patente di cat. E.
Le Parti concordano inoltre un aumento del minimo tabellare per il terzo livello pari a € 50,00 con relativa riparametrazione sugli altri livelli di inquadramento, da erogare:
– € 15,00 con la retribuzione del mese di settembre 2020;
– € 10,00 con la retribuzione del mese di giugno 2021;
– € 25,00 con la retribuzione del mese di dicembre 2021.

Liv.

Aumento settembre 2020

Aumento giugno 2021

Aumento dicembre 2021

TOTALE

20,41 13,61 34,02 68,04
17,09 11,39 28,48 55,96
3° S 15,61 10,41 26,02 52,04
15,00 10,00 25,00 50,00
4° S 14,26 9,51 23,77 47,54
13,52 9,02 22,54 45,08
12,30 8,20 20,49 40,99

Livello

Minimo dall’1/9/2020

Minimo dall’1/6/2021

Minimo dall’1/12/2021

1 1.177,90 1.191,51 1.225,53
1 Quadro 1.177,90 1.191,51 1.225,53
2 986,22 997,61 1.026,09
3 Super 901,10 911,51 937,53
3 865,63 875,63 900,63
4 Super 823,05 832,56 856,33
4 780,53 789,55 812,09
5 709,56 717,76 717,76

Indennità di Mensa
A partire dal mese di giugno 2021 l’indennità di mensa di cui all’art. 43, lettera c) del CCNL, è elevata a € 5,00 giornalieri.

 

Una Tantum
Ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione del presente accordo è erogato un importo “una tantum” per il terzo livello pari a € 200 lordi, riparametrato nella misura di cui alla tabella che segue, corrisposto pro-quota con riferimento a tante quote mensili quanti sono i mesi di servizio effettivo prestati nel periodo 1 gennaio 2017-31 luglio 2020.
La frazione di mese superiore a 15 giorni sarà considerata, a tutti gli effetti, come mese intero.
Detto importo sarà riproporzionato per i lavoratori a tempo parziale.
L’importo sarà corrisposto, con le seguenti modalità:
– € 50,00 con la retribuzione del mese di agosto 2020;
– € 50,00 con la retribuzione del mese di febbraio 2021;
– € 50,00 con la retribuzione del mese di agosto 2021;
– € 50,00 con la retribuzione del mese di dicembre 2021.
L’importo sarà erogato ai lavoratori in forza alla data di erogazione di ciascuna tranche, in proporzione al numero di mesi svolti presso l’azienda .
L’importo è escluso dalla base di calcolo del t.f.r. ed è stato quantificato considerando in esso anche i riflessi sugli istituti di retribuzione diretta ed indiretta, di origine legale e contrattuale, ed è quindi comprensivo degli stessi.

Liv.

Importi singola tranche

68,03
56,97
50,00
4° s. 47,54
45,08
40,98