ACE: le norme antielusive nell’ambito dei gruppi societari


Ai fini ACE, l’intento delle disposizioni antielusive è quello di impedire che una stessa somma di denaro, attraverso “atti di apporto a catena”, accresca il capitale proprio di più entità giuridiche incluse nello stesso gruppo d’imprese (Agenzia delle Entrate – Risposta 05 dicembre 2018, n. 95).

Nel caso in cui una società incorporata in una atto di fusione presenta un incremento di crediti da finanziamento verso le controllate, se nessuna delle società beneficiarie dei suddetti finanziamenti abbia a sua volta effettuato conferimenti, finanziamenti, pagamenti di corrispettivi per acquisti di partecipazioni, aziende o rami di azienda in società residenti appartenenti al gruppo, è escluso che i finanziamenti oggetto dell’istanza di disapplicazione abbiano potuto dare luogo ad effetti duplicativi del beneficio che la disciplina antielusiva speciale intende contrastare.
Pertanto, la base di calcolo dell’ACE ereditata dalla società incorporante per il periodo di imposta 2017 non va sterilizzata dell’importo dei finanziamenti erogati a favore delle società controllate.